PROVA: G & G custom harp


Questa estate ho avuto modo di provare una “G & G custom harp” di Gino Zanon e Gianni Massarutto e dopo qualche mese di “test” ho deciso di scrivere la mia opinione.

Il primo G è un meticoloso ed elegante artigiano di ottimi comb fatti totalmente “a mano”. Spicca immediatamente una significativa cura dei particolari non rilevabile in altri modelli. La seconda GMassarutto, eccellente e noto armonicista, ha acquisito negli anni una personale ed unica tecnica nel lavorare le ance. Un lavoro certosino di parecchi giorni per ottenere armoniche con ance leggerissime e al contempo con un suono forte e incomparabile.

L’armonica che ho provato è in C ed è stata realizzata con un comb in legno di olivo dalle venature naturali bellissime. Dal primo sguardo si nota un look estremamente accattivante e ci si trova immediatamente davanti ad uno strumento di notevole compattezza e stabilità.

I dentini del comb sono smussati a mano ed offrono una imboccatura confortevole e morbida. Le ance e il cover sono della Marine Band Deluxe, che già offre il vantaggio di avere le ance un po’ meno pesanti e di qualità superiore. Quest’ultime sono state ulteriormente alleggerite e quindi riaccordate, garantendo una flessibilità mai provata prima. Il bending, l’overbending e il “super overbending” diventano non solo semplici ed immediati, ma soprattutto sono più facili da controllare sia in termini diintonazione, che di suono. Infatti molti armonicisti lamentano un suono non convincente che si genera con l’overbend. Una forzatura dell’ancia che realizza un tono indeciso e spesso instabile. Questo difetto è annullato dalla lavorazione sulle ance di Massarutto e dal perfetto assemblaggio dello strumento.

Ho deciso di farmi realizzare un altro modello, questa volta con il comb in materiale sintetico e accordata in F basso. Le ance ed il cover saranno sempre della Marine Band Deluxe.

Non vedo l’ora di provarlo. Complimenti.

Triassi Leonardo


Condividi su