Differenze tra Bravi Alpini 1298/28 ...

Sezione dedicata agli strumenti per la musica popolare.
Rispondi
Avatar utente
Bensi
=|o|o|o|o|=
Messaggi: 204
Iscritto il: domenica 22 dicembre 2013, 0:54

Differenze tra Bravi Alpini 1298/28 ...

Messaggio da Bensi » domenica 1 febbraio 2015, 23:13

Oggi ho comprato al mercatino una Bravi Alpini 1298/28 usata ...ma come nuova...con scatola e l'armonica ha minime tracce di uso .

Ho visto che la sua forma è differnete dall'ultima versione.

Infatti quella che ho preso ha quella specie di bordo forato come da foto...
Bravi Alpini con scatola.jpg
Bravi Alpini con scatola.jpg (256.05 KiB) Visto 1221 volte
Chiedo ai pareri degli esperti....la qualita' e' migliore nella versione che ho trovato al mercatino ...o in quella piu' recente ??
Mi sembra di aver capito che la Hohner abbia avuto un calo qualitativo...

Giusto ?

Grazie e ciao
Marco Bensi


Avatar utente
Luisiccu
=|o|o|o|o|o|o|o|o|=
Messaggi: 1393
Iscritto il: sabato 23 giugno 2007, 12:18
Località: Decimoputzu (CA)

Re: Differenze tra Bravi Alpini 1298/28 ...

Messaggio da Luisiccu » lunedì 2 febbraio 2015, 11:14

In effetti c'è qualche differenza con quella più recente.

Cominciamo dalla custodia:
La tua è formata da due pezzi con inserimento tipo maschio-femmina. La custodia del modello più recente è invece del tipo fondo-coperchio a cerniera (di carta, ovviamente).

Coperchi:
Nella tua hanno la bombatura forata.
Nel modello più recente sono piatti

Corpo:
Nella tua dovrebbe essere colorato in rosso.
Nel modello più recente è colorato in marron.

La verniciatura per non farsi torto a vicenda va via con la stessa velocità. il suono è sostanzialmente uguale.
Ho sempre avuto il vago sospetto che più che differenze sostanziali i due modelli avessero lo scopo di soddisfare richieste particolari diverse.

Calo di qualità? Difficile a dirsi. Trattandosi di strumenti in cui la "casualità" dei materiali e la costruzione ancora affidata in parte alla abilità manuale fanno la differenza non è raro incorrere in pezzi di diversa qualità.
A me ad esempio l'ultimo acquisto (modello recente) ha deluso. Ma altri armonicisti sono stati più fortunati. Prevale la qualità più bassa o quella solita? Difficile a dirsi.

Se mi permetti vorrei suggerirti di pulire attentamente e disinfettare lo strumento.
Innanzitutto perché si tratta di uno strumento a fiato e soprattutto perché il corpo è in legno. Accoglie più facilmente germi e soci.

Quindi dopo un'attenta rimozione di tutti gli eventuali depositi è d'obbligo una bella spennellatura mediante pennello morbido di disinfettante per biberon tipo "Amuchina". Trovi in farmacia.
Il trattamento va riservato a tutti i componendi dell'armonica. Asciugare subito mediante asciugacapelli tenuto a debita distanza per evitare deformazioni.

Saluti tremolanti
Luisiccu
Avatar utente
Bensi
=|o|o|o|o|=
Messaggi: 204
Iscritto il: domenica 22 dicembre 2013, 0:54

Re: Differenze tra Bravi Alpini 1298/28 ...

Messaggio da Bensi » lunedì 2 febbraio 2015, 14:53

Sei sempre gentile e dettagliato nelle risposte.

Grazie anche per i consigli di pulizia...che ho gia' fatto in buona parte...senza ancora aprirla.

Pero' come puoi vedere dai particolari dei fori...l'armonica è stata usata veramente al minimo..
armonica lato fori.jpg
armonica lato fori.jpg (279.59 KiB) Visto 1182 volte
particolare.jpg
particolare.jpg (120.48 KiB) Visto 1180 volte
Tra parentesi ..l'ho pagata 15 euro ...e mi è sembrato un prezzo giusto per le condizioni e per quello che sento..il suono...caldo e molto hohner

Ciao
Rispondi