BLUE MOON in polifonia

Fai commentare qui i tuoi esperimenti musicali.
Rispondi
Avatar utente
Manxcat
=|o|o|o|o|o|o|o|o|o|o|=
Messaggi: 7655
Iscritto il: giovedì 23 aprile 2009, 9:09
Località: Arezzo

BLUE MOON in polifonia

Messaggio da Manxcat » venerdì 6 luglio 2018, 17:18

Al folto stuolo di amici che animano questo forum dico che, se vanno a leggere il thread di Lorenzo relativo al brano Blue Moon, troveranno anche lo spartito polifonico arrangiato per il gruppo corale dove cantava lo stesso Lorenzo; ebbene, trattasi di un'ottima armonizzazione a quattro voci, tenori, contralti, baritoni e bassi, con la quale si può sperimentare la "armoniosa" polifonia di un'armonica, "semplicemente" suonando le quattro tracce e mettendole insieme. Io ci ho provato, ho un po' sofferto, mi sono divertito, usando la Hohner 280, e ritengo molto utile, di tanto in tanto, farsi prendere da certe idee, altamente educative da un punto di vista musicale. La tonalità, a prima vista, è terrificante, il RE bemolle, ma, tutto sommato, non vale la pena di cambiarla, in quanto le note naturali, nel corso delle quattro voci, sono veramente poche e quindi si tratta solo di lasciare il bottone del registro sulle suddette naturali, tenendolo sempre premuto sulle altre, quelle alterate, che sono la stragrande maggioranza.
Altrimenti faremmo come quello che raccontava di un brano difficilissimo con la cromatica in quanto non c'era una nota naturale . . .! :D :D :D
Bene, eccovi, pertanto, la Luna blue in polifonia e buon divertimento.

Carlo
Allegati


Blue Moon from Lorenz.mp3
(1.44 MiB) Scaricato 12 volte

Luna Blu.jpg
Luna Blu.jpg (6.3 KiB) Visto 87 volte


Pagu genti, bona festa (Luisiccu)
Avatar utente
Manxcat
=|o|o|o|o|o|o|o|o|o|o|=
Messaggi: 7655
Iscritto il: giovedì 23 aprile 2009, 9:09
Località: Arezzo

Re: BLUE MOON in polifonia

Messaggio da Manxcat » giovedì 12 luglio 2018, 11:14

Orbene, per questo brano è giunto il momento che mi dia un cenno di riscontro da solo, poiché se lo merita.
Lo so, non è "artistico", come piace a qualcuno, e non "emoziona" . . . :( (sic)
E' solo un esercizio accademico e virtuoso di interpretare con un'armonica uno spartito a quattro voci, relativo ad una melodia evergreen, un gioco, fatto, appunto per divertimento e per la curiosità di vedere cosa ne sarebbe venuto fuori, e quanto con l'armonica ci si discosti o ci si avvicini, secondo il punto di vista, all'interpretazione di voci umane, in questo caso maschili (vedi il post Blue Moon di Lorenzo, in cui è riportato il seguente link: https://www.youtube.com/watch?v=hLJw8S2j5jA ).

La realizzazione, ovviamente, avviene separando le quattro tracce e suonandole una alla volta, con particolare attenzione al tempo, che non può essere mantenuto semplicemente battendo un piede, ma espresso da qualche strumento che te lo dia; nella fattispecie ho usato la tastiera, sulla quale si può regolare una sorta di metronomo a led luminosi che lampeggiano, discernendo l'inizio di ogni battuta con un colore diverso. Poi, molto importanti sono i volumi delle tracce, in quanto l'armonizzazione, specie le parti dei contralti e dei baritoni, tende a coprire e vanificare la melodia e l'ascoltatore si perde tra gli accordi che vengono a crearsi. Ci deve, quindi, essere un equilibrio di volumi, tale da non fare risaltare troppo la melodia rispetto alle altre voci, ma senza far dimenticare la melodia stessa. La parte vocale "Oh . . ." che sentite l'ho fatta con la mia voce, anzi con le mie voci, in tutte e quattro le tracce; l'incipit, invece, è sempre la mia voce, ma che esegue solo la parte dei bassi.
La parte melodica e quella armonica della musica sono le parti che mi appassionano e poco mi interessa il ritmo e, di conseguenza, gli strumenti che lo creano e lo contraddistinguono; ed è per questo che non amo la musica pop moderna, fatta prevalentemente di ritmo e di conseguente rumore, a volte assolutamente priva di qualsivoglia aria e melodia!

Va bene, capisco che non è più il tempo di discutere qua di queste cose, ma io, come ho detto, amo parlare anche con me stesso e rispondermi è stato un piacere.E intanto un'altra creazione è qua al sicuro su questo cloud!

Qui c'è un'altra interpretazione corale del brano:
https://youtu.be/S3-gSv55N8Y

Buona giornata, Manxcat.

Carlo
Pagu genti, bona festa (Luisiccu)
Avatar utente
Lorenz
=|o|o|o|o|=
Messaggi: 260
Iscritto il: martedì 16 ottobre 2012, 9:51
Località: Trento

Re: BLUE MOON in polifonia

Messaggio da Lorenz » giovedì 12 luglio 2018, 16:19

Quando mi sono deciso a suonare questa canzone - naturalmente la sola melodia "portante" dei tenori primi - ho cercato di seguire il ritmo (tempo, pause, respiri ecc.) con il quale la cantavo, da baritono, con il mio coro. Noto che in quattro interpretazioni (due cori, Carlo e il mio ricordo) esso è non è mai uguale. Bene così!
Poi ho pensato di trascrivere su programma di notazione musicale tutto lo spartito, operazione piuttosto complessa poiché l'originale in mio possesso è scritto a mano, con annotazioni talvolta illegibili e miscroscopiche. Può anche darsi che nonostante ripetute verifiche visuali qualche errore sia rimasto! Impossibile per me un controllo delle intonazioni e delle armonie, anch'esse molto elaborate. Ho tralasciato i segni di abbreviazione (ritornello, richiamo ecc.).
Ho spesso affermato che le mie proposte, al netto del loro modesto valore esecutivo, hanno anche lo scopo di fornire uno spunto ai colleghi del ML. Questa volta è così e posso dirmi soddisfatto.
Alla prossima.
Lorenzo

PS: chiedo se è possibile allegare un file MIDI.
Rispondi