MY LAST TANGO -Un Tango Russo del 1933-

Fai commentare qui i tuoi esperimenti musicali.
Rispondi
Avatar utente
carlodivers
=|o|o|o|o|o|o|o|o|=
Messaggi: 1290
Iscritto il: mercoledì 31 luglio 2013, 11:24
Località: Genova

MY LAST TANGO -Un Tango Russo del 1933-

Messaggio da carlodivers » martedì 15 maggio 2018, 16:41

NO, non voglio fare concorrenza al "nostro Maestro" di Tango, Giuliano,infatti il Tango,che mi piace moltissimo,non fa parte del mio modesto repertorio.
Tempo fa, nella giungla del Web, mi sono imbattuto in un Tango ...Russo che mi ha particolarmente attirato dal lato musicale. Tango Russo? direte voi, ebbene ho scoperto che uno dei più famosi compositori di Tango era Oskar Strock,morto nel 1976,il quale ha composto decine di appassionati Tanghi. Famosissimo in patria negli anni 30/40,poi fu...messo in disparte ..dal regime( come moltissimi altri intellettuali e artisti dell'epoca)perchè la sua musica non era ..adatta al popolo russo!
Qui, se vi fa piacere,potete ascoltare questo Tango cantato dal famoso cantante Russo Piotr Leshchenko che ebbe un grande successo nel 1935
https://www.youtube.com/watch?v=l8Xjntxd9CM
Armonica Suzuki SCX48 ,e per un breve intervento, clarinetto Buffet Crampon SIb
A voi l'impietoso giudizio...specialmente per chi di Tango se ne intende...
Buona serata a tutti!
Carlo
Allegati


My Last Tango --Carlodivers for ML.mp3
(2.81 MiB) Scaricato 10 volte



I momenti si dimenticano,la musica li ritrova.
Avatar utente
Manxcat
=|o|o|o|o|o|o|o|o|o|o|=
Messaggi: 7631
Iscritto il: giovedì 23 aprile 2009, 9:09
Località: Arezzo

Re: MY LAST TANGO -Un Tango Russo del 1933-

Messaggio da Manxcat » martedì 15 maggio 2018, 18:32

Carlo, rompi il silenzio con questo bellissimo tango. E dico bellissimo non solo perché amo il tango profondamente, ma anche perché lo hai eseguito veramente bene, senza cedere nulla a chi, come dici, "di tango de ne intende . . ." :D
Ti dico una cosa, non volermene: il suono della SCX 48 è bello e rende bene l'atmosfera del brano, ma quello del tuo clarinetto arriva più all'anima, almeno per quanto riguarda la mia. Notevole la base.
Non sapevo che anche in Russia vi fossero in quegli anni compositori di tango di tale valenza; Giuliano senz'altro conoscerà questo Oskar Strock, ma per me è un nome nuovo; fu messo in disparte dal regime forse perché tale musica era all'epoca, troppo "peccaminosa" . . . . :o :shock:
Pertanto il mio giudizio non è impietoso, ma neanche pietoso; è semplicemente che il tuo tango l'ho ascoltato e lo sto riascoltando con grande piacere.
I hope it is not your "Last Tango" . . .!
Buona serata.
Il tuo omonimo.
Si inizia a morire quando si smette di imparare (A.Einstein)
Avatar utente
Giuliano
=|o|o|o|o|o|o|o|o|=
Messaggi: 1271
Iscritto il: sabato 16 giugno 2012, 9:12

Re: MY LAST TANGO -Un Tango Russo del 1933-

Messaggio da Giuliano » martedì 15 maggio 2018, 22:03

Ciao Carlo.
Si, conosco Leshchenko ed i suoi tanghi. Una volta ero stato invitato a suonare a Genova nella sede di una associazione Italia-Russia, ed avevo cercato delle basi musicali di alcuni tanghi che lui aveva reso famosi. Mi ero ben documentato su di lui, ucraino naturalizzato russo, con una storia finita male in quanto poi giudicato e condannato come esponente di un genere musicale considerato controrivoluzionario. Hai ricreato con questo brano una bella atmosfera, che riporta agli anni trenta, quando il tango era popolarissimo anche nei paesi dell'Est europeo. Polonia in testa. Tanghi da salone, con una loro bellezza che definirei borghese, ma senza il fascino che aveva il tango argentino, molto più trasgressivo e passionale. Bravo. Hai scelto bene......
Logic will get you from "A" to "B". Imagination will take you everywhere...
Avatar utente
Luisiccu
=|o|o|o|o|o|o|o|o|=
Messaggi: 1380
Iscritto il: sabato 23 giugno 2007, 12:18
Località: Decimoputzu (CA)

Re: MY LAST TANGO -Un Tango Russo del 1933-

Messaggio da Luisiccu » mercoledì 16 maggio 2018, 19:00

Non posso considerarmi un esperto di tango, ma è una musica che ho sempre apprezzato.

Se, poi, a suonarlo alla grande è un grande armonicista e un altrettanto bravo clarinettista è ancora più bello. Come in questo caso.

Anche io ignoravo il tango russo . La sorpresa è di quelle buone e dice ancora una volta che la bella musica non ha frontiere e parla al cuore, come i si diceva una volta.

Ben vengano anche questi tanghi orientali. C'è qualcosa in Cina o in Giappone?

Salutissimi armonici tangati
Luisiccu
Avatar utente
carlodivers
=|o|o|o|o|o|o|o|o|=
Messaggi: 1290
Iscritto il: mercoledì 31 luglio 2013, 11:24
Località: Genova

Re: MY LAST TANGO -Un Tango Russo del 1933-

Messaggio da carlodivers » venerdì 18 maggio 2018, 17:56

Grazie amici per i vostri ben graditi commenti...
Manxcat ha scritto:
martedì 15 maggio 2018, 18:32
Ti dico una cosa, non volermene: il suono della SCX 48 è bello e rende bene l'atmosfera del brano, ma quello del tuo clarinetto arriva più all'anima, almeno per quanto riguarda la mia. Notevole la base.
Non sapevo che anche in Russia vi fossero in quegli anni compositori di tango di tale valenza; Giuliano senz'altro conoscerà questo Oskar Strock, ma per me è un nome nuovo; fu messo in disparte dal regime forse perché tale musica era all'epoca, troppo "peccaminosa" . . . . :o :shock:
Carlo,come ben saprai il clarinetto è uno dei strumenti musicali più versatili(in quelli a fiato direi è il più versatile)perciò puoi passare da qualsiasi pezzo musicale sia leggero,,Jazz o classico con la massima disinvoltura, anche l'armonica cromatica ha queste qualità ed è per questo che ,a mio parere, i due strumenti stanno bene insieme anche se hanno differenti qualità di suono. Per farli "sposare bene" ci vuole una base adatta e sopratutto il brano adatto.
Giuliano ha scritto:
martedì 15 maggio 2018, 22:03
..... Tanghi da salone, con una loro bellezza che definirei borghese, ma senza il fascino che aveva il tango argentino, molto più trasgressivo e passionale. Bravo. Hai scelto bene......
Hai perfettamente ragione,Giuliano, Tanghi da saloni e ballerini in smoking, che certamente differenziano dai Tanghi delle milonghe Argentine dai ballerini pieni di sensualità e vigore. Però anche questo tipo di Tango( diciamo dell'Est Europeo) ha una sua ottima qualità musicale, anche se in certe parti denota che la provenienza non è latina...
Luisiccu ha scritto:
mercoledì 16 maggio 2018, 19:00
Anche io ignoravo il tango russo . La sorpresa è di quelle buone e dice ancora una volta che la bella musica non ha frontiere e parla al cuore, come i si diceva una volta.
Ben vengano anche questi tanghi orientali. C'è qualcosa in Cina o in Giappone?

Salutissimi armonici tangati
Ciao Luigi,
Beh...si sa che la musica non ha frontiere e forse è ancora l'unica cosa che accomuna il mondo intero...
Il Giappone, e lo so perchè mia nuora è Giapponese,il Tango è considerato moltissimo e ha una folla di appassionati, e siccome i Giapponesi fanno sempre le cose con passione e perfezione ( quest'ultima quasi una mania ossessiva..) sono pure riusciti a vincere il campionato mondiale di Tango in Argentina!! Qui puoi trovare chi ha vinto i campionati mondiali di Tango.....
https://www.ilfoglio.it/immagini/2009/0 ... ino-99180/
Mentre qui ti puoi rendere conto di quanto il Tango sia importante in Giappone...
https://faitango.wordpress.com/2007/09/ ... -in-japan/

Un caro saluto a tutti voi, buona serata
Carlo
I momenti si dimenticano,la musica li ritrova.
Avatar utente
Giuliano
=|o|o|o|o|o|o|o|o|=
Messaggi: 1271
Iscritto il: sabato 16 giugno 2012, 9:12

Re: MY LAST TANGO -Un Tango Russo del 1933-

Messaggio da Giuliano » sabato 19 maggio 2018, 8:11

Luisiccu ha scritto:
mercoledì 16 maggio 2018, 19:00

Anche io ignoravo il tango russo . La sorpresa è di quelle buone e dice ancora una volta che la bella musica non ha frontiere e parla al cuore, come i si diceva una volta.

Ben vengano anche questi tanghi orientali. C'è qualcosa in Cina o in Giappone?

Salutissimi armonici tangati
Per risponderti Luigi, una chicca degli anni '60:

https://www.youtube.com/watch?v=WWiIcG-F0ZI
Logic will get you from "A" to "B". Imagination will take you everywhere...
Avatar utente
Luisiccu
=|o|o|o|o|o|o|o|o|=
Messaggi: 1380
Iscritto il: sabato 23 giugno 2007, 12:18
Località: Decimoputzu (CA)

Re: MY LAST TANGO -Un Tango Russo del 1933-

Messaggio da Luisiccu » sabato 19 maggio 2018, 11:28

Che dire?
Sono stupefatto!
Non ci si può meravigliare più di niente!
E che roba!. Veramente bravi. Scorrendo di video in video altre belle sorprese.
Grazie a Carlo e Giuliano che mi hanno aperto ulteriori finestre su questa splendida musica.
E' vero: sono un schiappa di ballerino ma ascoltare e vedere ballare il tango è, comunque, sempre emozionante.
Salutissimi tangati
Luisiccu
Rispondi