Tradizione italiana

Area riservata ai dubbi, suggerimenti e scambi di opinione per la sezione "Partiture e Tabulati"
Rispondi
Avatar utente
Lorenz
=|o|o|o|o|=
Messaggi: 241
Iscritto il: martedì 16 ottobre 2012, 9:51
Località: Trento

Tradizione italiana

Messaggio da Lorenz » domenica 27 gennaio 2013, 20:24

Dopo tanta America, un pezzo della tradizione sarda. Non è propriamente una canzone tradizionale: le parole sono una poesia di Salvatore Sini, musicata da Giuseppe Rachel.
I sardi del forum confermeranno se è vero che viene considerata quasi l'inno regionale.
Allegati
Non potho reposare.pdf
(20.03 KiB) Scaricato 174 volte


Avatar utente
CCristian
=|o|o|o|o|o|o|o|o|=
Messaggi: 1357
Iscritto il: lunedì 28 marzo 2011, 7:44
Località: Trento

Re: Tradizione italiana

Messaggio da CCristian » lunedì 28 gennaio 2013, 9:36

Ciao Lorenz, grazie è da quando l'ho sentita prima ai giochi d'autunno 2012 http://www.giochidautunno.it/giochi/edizione-2012 e poi su youtube cantata da Andrea Parodi http://youtu.be/yrLiWeAdhWU che mi sarebbe piaciuto impararla.
Una domanda: tu ne hai postato solo un pezzo, le strofe successive si ripetono con la stessa musica?
Ciao
CCristian

P.S. La proverei se non avessi smesso di suonare l'armonica........ essì, ho smesso oramai da venerdì scorso.....

P.P.S. Ho smesso solo perchè ho un raffreddore chenon mi lascia nemmeno respirare :cry: , ma appena tornerò a rifunzionare correttamente, riinizierò a studiare questo bellissimo strumento :) , spero di non dimenticare troppo di quel poco che ho imparato.
Only one rule: if you like it when you play it, is good. That's all. (Bob Brozman)
Avatar utente
dario79
=|o|o|o|o|o|=
Messaggi: 388
Iscritto il: venerdì 22 maggio 2009, 15:35

Re: Tradizione italiana

Messaggio da dario79 » lunedì 28 gennaio 2013, 11:32

Questa è la versione che un pò di tempo fa Gimasa (Marco), sardo D.O.C., ha postato nel music lab.
Ciao a tutti, sopratutto a Cristian per una pronta guarigione :wink:
Allegati
nonpothoreposare.pdf
(93.65 KiB) Scaricato 122 volte
Dario
Avatar utente
CCristian
=|o|o|o|o|o|o|o|o|=
Messaggi: 1357
Iscritto il: lunedì 28 marzo 2011, 7:44
Località: Trento

Re: Tradizione italiana

Messaggio da CCristian » lunedì 28 gennaio 2013, 14:01

Ciao Dario, grazie sia dello spartito che degli auguri di guarigione.
Così ora ho quello in do di Lorenz che posso fare con la diatonica, quello tuo (di Marco) in Fa da suonare con la Cromatica. In fa, così a ispirazione mi sa che rende meglio, comunque prima mi riprendo e poi ci proverò.
Ciao
CCristian
P.S. Con la diatonica li studio sempre in do e poi una volta imparati, scelgo la tonalità che più mi ispira... insomma sfrutto felicemente il fatto che me lo traspone lei il brano :mrgreen:
Only one rule: if you like it when you play it, is good. That's all. (Bob Brozman)
Avatar utente
Lorenz
=|o|o|o|o|=
Messaggi: 241
Iscritto il: martedì 16 ottobre 2012, 9:51
Località: Trento

Re: Tradizione italiana

Messaggio da Lorenz » lunedì 28 gennaio 2013, 18:50

CCristian ha scritto: Una domanda: tu ne hai postato solo un pezzo, le strofe successive si ripetono con la stessa musica?
Io ho trascritto la voce dei tenori primi di una armonizzazione per coro. Per quello che ne so io, la partitura è completa. Ci sono altri versi, che sono poi quelli della poesia dalla quale è nato il canto, ma la musica non cambia.
Avatar utente
Luisiccu
=|o|o|o|o|o|o|o|o|=
Messaggi: 1368
Iscritto il: sabato 23 giugno 2007, 12:18
Località: Decimoputzu (CA)

Re: Tradizione italiana

Messaggio da Luisiccu » lunedì 28 gennaio 2013, 19:13

Lorenz,
la tua trascrizione si riferisce mi pare all'armonizzazione di Tonino Puddu sulla musica di Rachel.
Nella versione cantata vengono coinvolte pochissime strofe. Praticamente eseguite tutte allo stesso modo. Il testo completo l'ho inserito al seguente collegamento

https://www.doctorharp.it/forum3/viewtop ... 346#p35346

Con il realtivo commento e traduzione.
Salutissimi armonici
Luisiccu
Avatar utente
Lorenz
=|o|o|o|o|=
Messaggi: 241
Iscritto il: martedì 16 ottobre 2012, 9:51
Località: Trento

Re: Tradizione italiana

Messaggio da Lorenz » lunedì 28 gennaio 2013, 19:28

L'armonizzazione è di un musicista della mia terra, trentino, ed è anche molto bella.
Meravigliosa è la poesia, nel senso di arte poetica, che emana dai versi.
Quando cantavo noi eseguivamo solo le prime due strofe e ricordo perfettamente la pronuncia "non perfetta" di coristi abituati a cantare in dialetto trentino...
Le osservazioni di CCristian mi hanno messo la pulce nell'orecchio. Aveva ragione, perché nello spartito mancava un ritornello.
Allego copia corretta.
Allegati
Non potho reposare 2.pdf
(20.67 KiB) Scaricato 120 volte
Avatar utente
gimasa
=|o|o|o|=
Messaggi: 143
Iscritto il: mercoledì 14 dicembre 2011, 21:25

Re: Tradizione italiana

Messaggio da gimasa » mercoledì 30 gennaio 2013, 8:46

Ciao Lorenz,
la canzone "Non potho reposare", bella e coinvolgente, è certamente una delle più conosciute melodie sarde portata alla ribalta dal compianto Andrea Parodi, e viene considerata l'inno sardo.
Però, tralasciando quello militare della Brigata Sassari, vi sono altri due inni, uno è quello per così dire "Ufficiale", quello del Regno di Sardegna sabaudo, che è stato scritto da Vittorio Angius nel 1842 ed è intitolato "Conservet deus su re" (http://www.youtube.com/watch?v=14MVPV1zOE0).
Il secondo è intitolato "Procurad'e moderare" (http://www.youtube.com/watch?v=6zYD6CaT7WM) ed
è un inno di protesta dei proprietari terrieri contro la prepotenza feudale. Quest'ultimo risale alla fine del 1700 ed è, a mio parere, quello con il miglior testo.
Allego le belle parole di "Procurad'e moderare".
Io lo ritengo molto attuale, potrebbe essere l'inno di tutti noi in questo momento.
Allegati
procurad'e_moderare_integrale_1.pdf
Testo dell'inno procurad'e moderare con traduzione italiana
(40.71 KiB) Scaricato 120 volte
Marco S
----------------------
Siate il meglio di qualunque cosa siate.
(Douglas Malloch)
Avatar utente
Lorenz
=|o|o|o|o|=
Messaggi: 241
Iscritto il: martedì 16 ottobre 2012, 9:51
Località: Trento

Re: Tradizione italiana

Messaggio da Lorenz » mercoledì 30 gennaio 2013, 18:13

Certo che i Sardi per protesta o per amore ne sanno dire di cose...
Rispondi