Piccola delucidazione su Ste cavolo di posizioni

I primi passi, dubbi, domande e richieste.
Rispondi
AnciaPop
=|o|=
Messaggi: 23
Iscritto il: giovedì 23 luglio 2015, 1:01

Piccola delucidazione su Ste cavolo di posizioni

Messaggio da AnciaPop » giovedì 18 febbraio 2016, 23:32

Salve ragazzi,sono sempre il e sono sempre fermo alla comprensione delle ormai stato a maledette posizioni.....allora le posizioni sono le scale varie che si posso effettuare con una determinata tonalità.....e fin Qui tutto OK,quindi se "tanto mi da tanto
" per suonare una certa scala,prima devo sapere la costruzione dell suddetta scala, es scala maggiore,minore,blues etc giusto? Rispettando la successione dei toni e semitoni giusto?grazie dell'aiuto,ma da autodidatta certi concetti e certi argomenti sono un labirinto


Dighe
=|o|o|=
Messaggi: 57
Iscritto il: lunedì 13 luglio 2015, 3:37

Re: Piccola delucidazione su Ste cavolo di posizioni

Messaggio da Dighe » giovedì 18 febbraio 2016, 23:54

Parti dal basso.......le prime due posizioni........dunque se suoni una canzone in Do....puoi suonarla in prima posizione con una armonica in Do....il do parte dal quarto foro soffiato per intenderci.
Oppure in seconda posizione con armonica in FA......

Se vuoi un consiglio......impara bene la prima posizione ...poi passa alla seconda e così via....
Dipende anche molto che cosa vorrai suonare.....se ami il rock il country o il folk...la prima posizione è piu' indicata....se invece opterai per il blues allora la seconda.

P.S Suono da soli 4 mesi.....è l'opinione di un modesto principiante....
Avatar utente
Manxcat
=|o|o|o|o|o|o|o|o|o|o|=
Messaggi: 7527
Iscritto il: giovedì 23 aprile 2009, 9:09
Località: Arezzo

Re: Piccola delucidazione su Ste cavolo di posizioni

Messaggio da Manxcat » venerdì 19 febbraio 2016, 11:57

Ciao Anciapop,
ti do una risposta informale, non tanto finalizzata alla tecnica, che puoi trovare su qualsiasi metodo e su tante discussioni qua sul Forum, quanto per cercare di suggerirti lo spirito con il quale dovresti affrontare questo tipo di difficoltà contingenti, che, con un minimo di tempo e di pratica, si risolvono da sole, meglio se si studia un po' la musica, anche da autodidatta.

Dunque, un giorno, tanti anni fa, più di 150, un signore inventò una sorta di armonica a bocca. Tale strumento si diffuse, si evolvé, perfezionandosi, e pian piano furono in tanti a suonarlo, ciascuno a modo suo, dando il proprio contributo al fine di ottenere dei buoni risultati, da un punto di vista musicale.
Quindi nessuna regola e nessuna teoria nasce prima della pratica; l'uomo infatti sperimenta, fa le cose, inventa, scopre, in ogni settore, e da queste sperimentazioni, azioni, invenzioni, scoperte nascono dei principi, delle norme oggettive utili a coloro che successivamente intendono cimentarsi con quella disciplina.
Una sorta di aiuto, insomma, per accorciare i tempi, che ti viene offerto sulla base di esperienze fatte precedentemente da altri, che può interessarti o no, ma che non deve complicarti la vita, ma che invece può avvantaggiarti, nel momento in cui tu ne avessi bisogno.

Da qui le "posizioni".
E' un termine peculiare dell'armonica "bluesharp", e rappresenta una tecnica diffusa in particolare tra coloro che suonano il Blues.
Ora, dire, per esempio, che per suonare in seconda posizione su un brano o una base in DO occorra un'armonica in FA, mentre su un brano in RE occorra un'armonica in SOL, e così via, parlando di una quinta (cinque mezzitoni) sopra, per un principiante non significa niente e non si capisce il perché ci si debba complicare la vita andando a suonare un brano di una certa tonalità con un'armonica di tonalità differente.
Ebbene, il fatto è che detta procedura è stata messa in atto da coloro che all'inizio l'hanno sperimentata, come si diceva prima, non per complicarsi la vita, ma per facilitarsela e migliorarsela, e questo è il punto, ed hanno scoperto tutto questo nel momento in cui ne hanno avuto bisogno.
Per farti un esempio chiaro, posso dirti che, se tu ami il Blues e vuoi suonare il Blues, dovrai adeguarti a certi schemi precostituiti e, a meno che tu non sia un novello Sonny Boy Williamson, dovrai attingere a certe tecniche precostituite (e a volte anche un po' stantie, ndr) finalizzate a creare un certo sound, un certo colore, un certo effetto, che si riassume nella parola "bluesy".
Per arrivare a ciò esistono delle tecniche, una delle quali è quella delle posizioni.

Suonando e praticando, presto un giorno ti accorgerai, sempre per esempio, che ti troverai le note DO - MI - SOL rispettivamente nel primo, secondo terzo foro soffiato di un'armonica in DO, mentre a te piacerebbe averle in aspirato, quelle tre note, per "succhiarle", o per piegarle di mezzo tono o più, cosa che trovi in un'armonica in FA; ebbene, in quel momento non solo avrai capito il concetto di "posizioni", ma le avrai addirittura scoperte tu stesso, come se tu fossi stato il primo.
E questo è lo spirito con cui si devono affrontare i problemi, e la musica, non quello di rincorrere le teorie fine a se stesse per complicarsi la vita, in quanto le teorie altro non sono che degli "escamotages" inventati da chi ci ha preceduto, che la vita ce la facilitano e non ce la complicano, se affrontate in tempi e modi giusti, con fiducia in se stessi e quel minimo di impegno che occorre sempre e ovunque.
In sintesi finale, il concetto di posizioni, una volta assimilato, ti permette di scegliere l'armonica nella tonalità più consona rispetto a quella del brano che vuoi suonare, che non sempre corrisponde alla stessa del brano, e, anzi, nel Blues la maggior parte delle volte è quella di una quinta sopra, chiamata seconda posizione.
Ti auguro grandi progressi presto.

Carlo
Si inizia a morire quando si smette di imparare (A.Einstein)
AnciaPop
=|o|=
Messaggi: 23
Iscritto il: giovedì 23 luglio 2015, 1:01

Re: Piccola delucidazione su Ste cavolo di posizioni

Messaggio da AnciaPop » venerdì 19 febbraio 2016, 13:56

Grazie della lezione manxcat sei stato davvero esauriente,il fatto é che e sono incaponito su queste posizioni e ho come la sensazione che senza questo concetto non riesca ad andare avanti.....quindi mi consigliere si di prenderla più con tranquillità di studiare un po di teoria e poi di suonare suonare suonare suonare?
Avatar utente
Manxcat
=|o|o|o|o|o|o|o|o|o|o|=
Messaggi: 7527
Iscritto il: giovedì 23 aprile 2009, 9:09
Località: Arezzo

Re: Piccola delucidazione su Ste cavolo di posizioni

Messaggio da Manxcat » venerdì 19 febbraio 2016, 14:32

AnciaPop ha scritto:Grazie della lezione manxcat sei stato davvero esauriente,il fatto é che e sono incaponito su queste posizioni e ho come la sensazione che senza questo concetto non riesca ad andare avanti.....quindi mi consigliere si di prenderla più con tranquillità di studiare un po di teoria e poi di suonare suonare suonare suonare?
Non voleva essere una lezione, perché non sono un insegnante di armonica, e nella vita ho imparato che mai si può e si deve insegnare ciò su cui non si eccelle sotto ogni profilo, ed è una delle cose più sconsigliabili da fare, per sé e per gli altri, quelli che dovrebbero apprendere; voleva solo essere un consiglio per tranquillizzarti ed invitarti a divertirti suonando, senza porti tanti problemi teorici, in quanto quei nodi ti si scioglieranno automaticamente con la pratica e l'esercizio, se continuerà a piacerti l'armonica.
Ciao.
Carlo
Si inizia a morire quando si smette di imparare (A.Einstein)
Avatar utente
Nicola
=|o|o|o|o|o|o|o|=
Messaggi: 649
Iscritto il: venerdì 4 aprile 2008, 20:12
Località: Vicenza
Contatta:

Re: Piccola delucidazione su Ste cavolo di posizioni

Messaggio da Nicola » martedì 23 febbraio 2016, 13:02

Ciao, ho scritta questa breve ed informale introduzione al mondo delle posizioni: vedi se ti può essere utile. :D

https://nicolarighele.wordpress.com/201 ... larmonica/
Rispondi