terza posizione cromatica blues

Approfondimenti di teoria musicale applicata all'armonica.
Rispondi
Avatar utente
pietro
=|o|=
Messaggi: 42
Iscritto il: sabato 18 agosto 2007, 18:56

terza posizione cromatica blues

Messaggio da pietro » venerdì 5 settembre 2008, 2:00

qualcuno saprebbe darmi informazioni precise sulla terza posizione per il blues con la cromatica e perchè è usata maggiormente questa posizione?
grazie
pietro


Avatar utente
frank-blues
=|o|o|o|o|o|o|o|=
Messaggi: 812
Iscritto il: mercoledì 20 giugno 2007, 22:54
Contatta:

Re: terza posizione cromatica blues

Messaggio da frank-blues » venerdì 5 settembre 2008, 17:19

Ciao Pietro,
l'utilizzo dell'armonica cromatica per suonare Blues in terza posizione si è diffuso grazie ad alcuni grandi armonicisti del passato.
In particolare, armonicisti come James Cotton, Junior wells e Carey Bell, suonavano solitamente i blues minori in terza posizione (blues in REm con cromatica in DO, per esempio).
Altri, come George 'harmonica' Smith suonavano anche blues in maggiore in terza posizione con la cromatica (famoso è il brano 'Blues in the dark').
Solitamente, questi armonicisti non usavano il registro; quindi la cromatica veniva usata come fosse una diatonica, ottenendo però un suono diverso. Usando poi una cromatica a 16 fori, l'estensione dello strumento aumentava molto rispetto alla diatonica standard.
Il moitvo per cui è stata scelta la terza posizione per suonare il blues con la cromatica credo che dipenda dal fatto che con la cromatica non sia possibile fare i bending.
La prima e la seconda posizione (soprattutto la seconda) sfruttano molto i bending. Suonando invece in terza posizione, si può fare anche a meno dei bending.
Ovviamente con la cromatica è possibile suonare i blues in qualsiasi tonalità; ma qui stiamo parlando di un particolare utilizzo della cromatica.
Avatar utente
pietro
=|o|=
Messaggi: 42
Iscritto il: sabato 18 agosto 2007, 18:56

Re: terza posizione cromatica blues

Messaggio da pietro » venerdì 5 settembre 2008, 22:48

ciao francesco grazie per la risposta.
Infatti mi riferivo proprio a gli armonicisti che hai citato,in particolare george smith.Sto infatti studiando da diverso tempo il suo stile e quello dei suoi allievi della west coast e sto appunto imparando i suoi classici strumentali col suo tipico approccio a ottave.
Volevo sapere un'altra cosa:ne sai di più da un punto di vista più teorico come scale e cose del genere?
grazie in anticipo
Avatar utente
frank-blues
=|o|o|o|o|o|o|o|=
Messaggi: 812
Iscritto il: mercoledì 20 giugno 2007, 22:54
Contatta:

Re: terza posizione cromatica blues

Messaggio da frank-blues » sabato 6 settembre 2008, 11:31

Ciao Pietro,
ti premetto che io suono principalmente ad orecchio, ma comunque non è difficile ricavarsi le scale da usare.
Nel caso dei blues maggiori si arriva a capire le scale da usare con semplici osservazioni.
Conisdera infatti quando suoni un blues in sol in seconda posizione (armonica in DO): avrai notato che tutte le note che si possono ottenere (senza uso dell'overbending) si addicono bene al blues. In particolare, quello che si usa principalmente è la scala blues di SOL (pentatonica minore di SOL più la 'blue note') e la scala di SOL misolidio (sol - la - si - do - re - mi - fa - sol).
Infatti ricordo che, quando prendevo lezioni di chitarra, il mio insegnante mi dceva che nel blues potevo usare anche la scala misolidia.
Suonando quindi un blues in RE maggiore in terza posizione con la cromatica in DO potresti usare la scala Blues in RE e la scala di RE misolidio. In questo modo puoi poi inventarti dei fraseggi mischiando le due scale.
Per i blues in minore, sicuramente puoi continuare ad usare la scala blues, visto che è essenzialmente una pentatonica minore.
Così su due piedi non mi viene in mente un'altra scala da indicarti che puoi usare, ma puoi ricavartela con un ragionamento simile a quello fatto per i blues in maggiore.
Avatar utente
pietro
=|o|=
Messaggi: 42
Iscritto il: sabato 18 agosto 2007, 18:56

Re: terza posizione cromatica blues

Messaggio da pietro » sabato 6 settembre 2008, 12:05

ciao francesco
grazie per la risposta.
Ora proverò a mettere in pratica ciò che hai detto.
Rispondi