La storia dell'armonica: perchè l'accordatura Richter?

Per scambiarsi informazioni di carattere generale.
Rispondi
Avatar utente
psantofe
=|o|o|o|o|o|o|o|o|=
Messaggi: 1104
Iscritto il: lunedì 27 ottobre 2008, 9:16

La storia dell'armonica: perchè l'accordatura Richter?

Messaggio da psantofe » mercoledì 24 gennaio 2018, 12:21

Mi riaffaccio al Forum dopo anni di assenza, non certo per disinteresse verso lo strumento, il quale, a tutt'oggi non mi dà "tregua" (sia per quanto riguarda l'insegnamento che la continua "fame" di miglioramento personale); tutto ciò, unito al lavoro e agli impegni familiari, non mi concede il tempo necessario per frequentare il Forum che per un bel periodo mi ha fornito indicazioni utili nella comprensione dell'armonica.
Ora mi trovo a cercare informazioni riguardanti le origini "tedesche" dello strumento: ovvero circa l'accordatura Richter.
In passato, mi sembra di aver letto da qualche parte (ma non ricordo dove e, soprattutto, spero di non essermelo sognato...) che l'idea iniziale legata all'armonica diatonica fosse quella di creare uno strumento popolare, compatibile con la musica diciamo da "banda" di paese, molto in voga nell'800. Musica che spesso ha come base armonica una prevalenza di tonica e dominante (per ragioni di risoluzioni della dominante sulla tonica) e quindi in soffiato le note della tonica e in aspirato (o, perlomeno, nei primi 5 fori) note dell'accordo che sta una quinta sopra.
Adesso sono alla ricerca di una base scritta riguardante le origini dell'armonica, che mi possa far capire se ciò ha un fondamento oppure se è meglio che cerchi un listino prezzi delle badanti a disposizione, perchè comincio ad averne bisogno.
Un saluto a tutti, nell'attesa di avere da parte vostra qualche info in merito
Paolo


Avatar utente
Luisiccu
=|o|o|o|o|o|o|o|o|=
Messaggi: 1393
Iscritto il: sabato 23 giugno 2007, 12:18
Località: Decimoputzu (CA)

Re: La storia dell'armonica: perchè l'accordatura Richter?

Messaggio da Luisiccu » mercoledì 24 gennaio 2018, 20:33

Paolo,
è un vero piacere leggerti dopo tanto tempo.

Seguo, sia pure alla lontana, la tua benemerita attività a favore dell'armonica. Abbiti i miei complimenti.

Per quanto riguarda l'argomento proposto mi permetto di suggerirti, al momento, il manualetto di Fabrizio Poggi - L'ARMONICA A BOCCA: IL VIOLINO DEI POVERI - Collana Adolescere - Vogheera n° 1.

La parte prima è interamente dedicata alla storia dell'armonica a bocca.

Armonicissimi saluti
Luisiccu
Avatar utente
psantofe
=|o|o|o|o|o|o|o|o|=
Messaggi: 1104
Iscritto il: lunedì 27 ottobre 2008, 9:16

Re: La storia dell'armonica: perchè l'accordatura Richter?

Messaggio da psantofe » mercoledì 24 gennaio 2018, 21:18

Ti ringrazio (e fraternamente, aggiungerei!!!) Luigi; e, inoltre ti annuncio che una persona iscrittasi alla Scuola di Musica Moderna di Ferrara ed interessata all'armonica Tremolo, ha insieme a me beneficiato di quanto tu hai scritto in relazione a tale strumento. Per cui, colgo l'occasione per complimentarmi per la chiarezza e la completezza della documentazione da te predisposta, con una competenza veramente notevole.
Senza tale documentazione, sarei stato in grossa difficoltà.
Paolo
Rispondi