VHT Special 6: la ricerca è finita!

A tutto volume, ma come fare ??
Avatar utente
frank-blues
=|o|o|o|o|o|o|o|=
Messaggi: 812
Iscritto il: mercoledì 20 giugno 2007, 22:54
Contatta:

VHT Special 6: la ricerca è finita!

Messaggio da frank-blues » mercoledì 23 febbraio 2011, 21:42

Quanti di voi hanno cercato per anni un amplificatore adatto all'armonica che non costasse un capitale?
Penso tutti.
E quanti di voi combattono con il feedback e non riescono ad ottenere un suono saturo come vorrebbero?
Penso tanti, soprattutto chi è alle prime armi.

Ragazzi, la vostra ricerca è finita.
E' nato l'amplificatore che tutti cercavamo.
Sto parlando del VHT special 6, amplificatore valvolare cablato a mano "punto a punto"!
Eccolo in azione:

http://www.youtube.com/watch?v=sERCtSIHVfk

Non fate caso al fatto che ci sia scritto che l'ampli nel video sia stato modificato.
IL VHT SPECIAL 6 NON HA BISOGNO DI ALCUNA MODIFICA!
Chi lo modifica lo fa solo per una mania personale.
Se Nick Clark avesse suonato nel video con un VHT special 6 "out of the box" non avreste avvertito alcuna differenza nel suono.

TUTTI GLI UTENTI DEL FORUM POSSONO CONTATTARMI PER AVERE UNO SCONTO RISPETTO AL PREZZO ESPOSTO SU HARP ELITE!

Se volete informazioni su questo magnifico ampli, potete chiedermele qui.


bluelight
=|o|o|=
Messaggi: 75
Iscritto il: martedì 18 novembre 2008, 13:27

Re: VHT Special 6: la ricerca è finita!

Messaggio da bluelight » mercoledì 2 marzo 2011, 23:43

Bene Francesco, potresti spiegarci perchè questo amp - se ho capito bene, di produzione cinese - è migliore di altri piccoli amp economici? Su siti per chitarra, dicono che l'unico vero vantaggio è che è molto semplice da modificare. Oltre alla resistenza al feedback, ci sono altri vantaggi? Quanto pesa?
Grazie e a presto
Avatar utente
frank-blues
=|o|o|o|o|o|o|o|=
Messaggi: 812
Iscritto il: mercoledì 20 giugno 2007, 22:54
Contatta:

Re: VHT Special 6: la ricerca è finita!

Messaggio da frank-blues » giovedì 3 marzo 2011, 0:57

Ciao Bluelight,
ti ringrazio per la domanda.
La VHT è una azienda americana che produce amplificatori artigianali di grande qualità.
Di recente ha pensato di proporre una linea di amplificatori più economici assemblati in Cina, di cui fa parte questo Special 6.
Considera, comunque, che tutte le più famose marche di amplificatori, come Fender e Vox, oramai fanno assemblare gli amplificatoi in Cina.

Confrontato il VHT special 6 con amplificatori dello stesso wattaggio e nelle stessa fascia di prezzo, come il Fender Champion 600, l'Epiphone Valve Junior, ecc., il VHT Special 6 risulta nettamente superiore e molto più indicato per l'armonica.

Innanzitutto ha un ottimo altoparlante da 10 pollici, contro altoparlanti da 6" o 8" pollici che hanno i suoi rivali.
Ha poi due ingressi, uno HI e un LOW.
Usando l'ingresso LOW si riesce ad alzare il volume quasi al massimo senza alcun problema di feedback. L'ingresso HI può essere preferito nelle situazioni in cui non si hanno problemi di feedback per avere un volume ancora più forte.
Ha poi uno switch che permette di dimezzare la potenza dell'ampli.
Ha il controllo del TONO, che invece il Fender Champion e l'epiphone non hanno.

MA VENIAMO ALLE CARATTERISTICHE CHE LO RENDONO DAVVERO SUPERIORE AI SUOI RIVALI:

Per prima cosa è cablato punto a punto. Ciò facilita le modifiche e eventuali riparazioni che potrebbero essere necessario nel tempo.
In termini di suono, ci sono varie scuole di pensiero sul fatto che si abbiamo risultati migliori rispetto ad un circuito stampato. Di certo un ampli cablato punto a punto ha un valore molto maggiore di uno con circuito stampato.

Ciò che gli conferisce un suono migliore e più adatto all'armonica è il tipo di circuito.
Il circuito è infatti ispirato al Fender Champ Blackface degli anni '60, che è uno degli amplificatori migliori per armonica.
Da questo punto di vista, anche il Fender Champion dovrebbe dare ottimi risultati, ispirandosi ad un ampli Fender degli anni '50.
Sia il VHT special 6 che il Fender Champion montano le valvole 6v6 e 12ax7. Ma il Champion, per via del cono di soli 6 pollici, della mancanza del controllo del TONO e per qualche componente di scarsa qualità, non può assolutamente competere con il VHT special 6.

Il VHT special 6 è secondo me sullo stesso livello di amplificatori vintage come il Kalamazoo. Anzi, riespetto a questo hanno anche un suono più corposo.

Diciamo che amplificatori come l'epiphine Valve Junior o l'Harley Benton GA5 sono dei buoni amplificatori, considerando quello che costano. Infatti, fino adesso ho sempre consigliato quelli a chi volesse prendere un ampli per iniziare senza spendere molto.

Rispetto a questi, il VHT special 6 non è qualcosa di molto diverso (a parte il fatto che è cablato punto a punto ed altre piccole differenze nel circuito).
Ma sono le piccole differenze a cui ho accennato che rendono il VHT special 6, a differenza dei suoi rivali, un amplificatore molto più adatto all'armonica.
Certamente ci sono piccoli amplificatori ancora meglio del VHT special 6, ma per quelli si deve spendere almeno 600 euro o molto più.

Ecco allora che, invece di spendere grosse cifre, si può procedere a migliorare ulteriormente il VHT special 6 con piccole modifiche.
Per esempio si può sostituire l'altoparlante con un Weber, spendendo 60 euro al massimo. Ciò comporta un miglioramento abbastanza evidente.
Si possono mettere poi delle valvole NOS per un'altra cinquantina di euro e avere un altro piccolo miglioramento.
Infine si può affidare l'ampli ad un tecnico esperto che può fare semplici modifiche per adattare il suono ai nostri gusti.

RICAPITOLANDO, le possibilità che offre sono queste:

1) Per meno di 200 euro si ha un ampli che, OUT OF THE BOX, è perfetto per l'armonica e di qualità migliore di tutti i suoi rivali nella stessa fascia di prezzo

2)Spendendo dai 50 ai 100 euro, si posso cambiare alcuni componenti e avere dei risultati ancora migliori.

3)SOLO PER ARMONICISTI ESPERTI: è possibile farlo modificare facilmente da un tecnico esperto (con una spesa di poche decine di euro) per adattare il suono alle proprie esgenze.

Il peso è di circa 12kg. La potenza è di 6watt, leggermente superiore a quella dei suoi rivali.
bluelight
=|o|o|=
Messaggi: 75
Iscritto il: martedì 18 novembre 2008, 13:27

Re: VHT Special 6: la ricerca è finita!

Messaggio da bluelight » giovedì 3 marzo 2011, 16:07

Chiarimento esaustivo! Grazie mille
Avatar utente
frank-blues
=|o|o|o|o|o|o|o|=
Messaggi: 812
Iscritto il: mercoledì 20 giugno 2007, 22:54
Contatta:

Re: VHT Special 6: la ricerca è finita!

Messaggio da frank-blues » giovedì 3 marzo 2011, 21:12

Ah, dimenticavo...
il VHT special 6 ha anche un'altra funzionalità che i suoi rivali non hanno: il boost attivabile con un pedalino fornito in dotazione

In pratica il boost serve per avere un suono più aggressivo e saturo.
Si attiva semplicemente sollevando la manopola del volume.
Poi si disattiva e si riattiva con il pedalino.

Si può per esempio utilizzare l'ampli con il boost disattivato durante l'accompagnamento e poi attivarlo per fare l'assolo.
L'effetto del boost è infatti anche quello di aumentare il volume, che è ciò che serve per fare un assolo.
Davvero una cosa utile.
gabriharp
=|o|o|o|=
Messaggi: 126
Iscritto il: giovedì 24 aprile 2008, 23:23

Re: VHT Special 6: la ricerca è finita!

Messaggio da gabriharp » giovedì 17 marzo 2011, 10:46

ciao frank potrei avere il tuo num di cell per parlarti in privato e prendere accordi sull 'amplificatore vht special 6....ciao gabriele....3384343132
Avatar utente
gianandrea
=|o|=
Messaggi: 45
Iscritto il: domenica 7 giugno 2009, 18:25
Località: Bologna
Contatta:

Re: VHT Special 6: la ricerca è finita!

Messaggio da gianandrea » martedì 22 marzo 2011, 23:57

Da vecchio maniaco di amplificatori confesso di essere pienamente d'accordo con Frank-Blues sulla valutazione del VHT special 6; a un prezzo stracciato uno porta a casa un ampli che suona veramente bene out of the box, resistente al feedback e dalla potenza superiore alle aspettative; per i maniaci della personalizzazione ci sono in rete già diversi upgrade; quello dello scopritore Mike Fugazzi del piccolo mostro (http://playingtheharmonica.blogspot.com ... onica.html); quello dell'antagonista maniaco Rick Davis (
http://bluesharpamps.blogspot.com/2010/ ... blues.html); il kit in vendita su ebay di alnicomagnet; e la straordinaria pagina analitica di Jim Rossen (https://sites.google.com/site/jimdramps/home/vht). Carico un file MP3 dove ho testato una serie di ampli tra cui il VHT (la seconda e terza traccia, la prima senza boost e la seconda con boost attivato).
Gianandrea
Avatar utente
antoblues
=|o|o|o|=
Messaggi: 115
Iscritto il: venerdì 22 giugno 2007, 10:05
Località: Milano

Re: VHT Special 6: la ricerca è finita!

Messaggio da antoblues » sabato 9 aprile 2011, 20:08

Dando un'occhiata a vari forum in lingua inglese ho visto che effettivamente se ne dice gran bene, quindi visto che sto cercando un ampli piccolo da usare quando non voglio scarrozzarmi il Sonny Jr sono andato a provarlo questo pomeriggio da Cris Music a Milano.
Spettacolo!!! :shock: 8) :D

Non sono molto raffinato nelle mie prove e tantomeno nelle descrizioni di pregi e difetti di uno strumento, ma so come deve suonare un buon ampli per armonica. Per essere un ampli sotto i 200€ questo signorino SUONA DI BRUTTO. Gran volume (e non ho provato il pedalino del boost) suono bello pieno, non innesca facilmente, rifinito bene, insomma sono rimasto MOLTO colpito, e anche l'amico Tarcisio che era con me. Ed ho provato la versione da negozio, senza modifiche di sorta.
Vero che il suono deve averlo l'armonicista, che conta anche il microfono, che non suona come un bassman, che non ha componenti e finiture di pregio etc etc etc ... ma per quella cifra, e credo anche per cifre un po' superiori, questo ampli credo non abbia rivali.
Non so se lo comprerò perchè sono molto tentato da alcuni ampli vintage, ma questo è senz'altro un'opzione da prendere in seria considerazione.
bluelight
=|o|o|=
Messaggi: 75
Iscritto il: martedì 18 novembre 2008, 13:27

Re: VHT Special 6: la ricerca è finita!

Messaggio da bluelight » mercoledì 27 aprile 2011, 23:40

La mia esperienza con questo ampli è un po' diversa. Dopo aver fatto una prova deludente con la testata per via di una cassa non adatta (errore del venditore), ieri mi sono recato in negozio per riprovare con una mia cassa con coni weber. Ho approfittato dell'occasione per provare anche il combo. Per quanto riguarda il combo, arrivato da poco in negozio e quindi nuovo, emetteva un rumore di sottofondo davvero fortissimo, come se avesse avuto problemi con i condensatori o con le valvole, cosa davvero incredibile per un ampli nuovo. Sicuramente sarà uscito difettato, poichè il rumore non era da imputare a cavo di connessione difettato (hanno provato anche con altro cavo) nè a presa di corrente difettosa. La testata invece non sono riuscito a collegarla alla cassa, poichè l'ingresso da 8 ohms che mi serviva era anch'esso difettoso: il jack di connessione non entrava nella presa (evidentemente troppo stretta) neanche a volerlo piantare all'interno con un martello. Alla fine ho collegato la mia cassa al combo. Escludendo il difetto del rumore di sottofondo, il suono prodotto non mi ha entusiasmato (sia suonando direttamente nel combo che suonando collegando quest'ultimo alla cassa). Lo switch per dimezzare la potenza lo ho trovato inutile. Altrettanto dicasi per l'ingresso low. Mentre molto utile è il comando boost, indispensabile per avere un guadagno nella saturazione. Le prove le ho fatte con un blues blaster con capsula astatic. Sicuramente, se paragonato ad ampli della stessa fascia di prezzo, può aver senso scegliere questo e non altri modelli. Non credo però che lo si possa paragonare ad ampli vintage. Se confrontato con il Kalamazoo, io continuo a preferire di gran lunga quest'ultimo. E con l'occasione ringrazio ancora una volta Frank-Blues per avermi introdotto tempo fa nel mondo del vintage.
Avatar utente
frank-blues
=|o|o|o|o|o|o|o|=
Messaggi: 812
Iscritto il: mercoledì 20 giugno 2007, 22:54
Contatta:

Re: VHT Special 6: la ricerca è finita!

Messaggio da frank-blues » giovedì 28 aprile 2011, 12:51

Ciao Bluelight,
a mio giudizio qualcuno potrebbe preferire un VHT special 6 ad un kalamazoo.
Il kalamazoo ha infatti una saturazione eccessiva e troppo squillante, se usato con capsule Shure molto potenti.
Il VHT special 6 ha invece un suono più corposo e una saturazione non troppo eccessiva.
Detto ciò, hai scoperto l'acqua calda constatando che un Kalamazoo è un ampli di qualità superiore.

In ogni caso il confronto tra questi due ampli ha poco senso, dato che il Kalamazoo è difficilmente reperibile e molto costoso.
Ammesso che qualcuno voglia rischiare a prenderselo su ebay, lo pagherà almeno 300/350 euro (considerando spese di spedizione e onari doganali) e lo dovrà far revisionare da un tecnico esperto cambiando per lo meno i condensatori elettrolitici.
Supponendo poi che sia stato un acquisto fortunato (ampli arrivato integro, altopalante non difettoso, ecc, ecc,), l'acquirente avrà comunque comprato un ampli vecchio più di quarant'anni e che può dar problemi da un momento all'altro.

Per questi motivi, sconsiglio vivamente un Kalamazoo o un qualsiasi altro ampli vintage a chi deve acquistare il primo ampli per armonica.
bluelight
=|o|o|=
Messaggi: 75
Iscritto il: martedì 18 novembre 2008, 13:27

Re: VHT Special 6: la ricerca è finita!

Messaggio da bluelight » giovedì 28 aprile 2011, 16:07

... io dicevo:

"Sicuramente, se paragonato ad ampli della stessa fascia di prezzo, può aver senso scegliere questo e non altri modelli".

Questa è la prima valutazione che va fatta. In secondo luogo, poichè alcuni utenti (non tu) hanno fatto paragoni ad ampli vintage, ho aggiunto:

"Non credo però che lo si possa paragonare ad ampli vintage. Se confrontato con il Kalamazoo, io continuo a preferire di gran lunga quest'ultimo".

Se dico "io continuo a preferire" e sottolineo "io", sto esprimendo un parere personale.

Condivido che il kalamazoo ha una saturazione potentissima e squillante. Ma a me piace soprattutto per questo. Poi tutto quanto dici sui rischi e la manutenzione di un ampli vintage è assolutamente giusto, ma apre un altro discorso che pure mi sta molto a cuore (e tu lo sai bene). Io valutavo solo il suono.
Avatar utente
antoblues
=|o|o|o|=
Messaggi: 115
Iscritto il: venerdì 22 giugno 2007, 10:05
Località: Milano

Re: VHT Special 6: la ricerca è finita!

Messaggio da antoblues » giovedì 28 aprile 2011, 20:33

scusa Bluelight, a Frank hai risposto "alcuni utenti (non tu) hanno fatto paragoni ad ampli vintage", così ho fatto un serch di "vintage" nel thread, e la parola ricorre solo due volte.
In un messaggio di Frank dove dice "Il VHT special 6 è secondo me sullo stesso livello di amplificatori vintage come il Kalamazoo. Anzi, riespetto a questo hanno anche un suono più corposo. "

ed una nel mio in cui dico "Non so se lo comprerò perchè sono molto tentato da alcuni ampli vintage, ma questo è senz'altro un'opzione da prendere in seria considerazione."

Siccome hai appena scritto che non è Frank quello che ha fatto paragoni con ampli vintage credo tu ti riferissi al mio messaggio.

Il paragone l'ha fatto frank, e proprio col Kzoo, e non io e giusto per chiarire, non ho messo assolutamente sullo stesso piano il VHT ed un vintage da cui appunto sono molto tentato. Sono due cose molto diverse e me ne rendo benissimo conto. Non si può cercare in un VHT 6 quel che può offrire un buon ampli vintage o anche un custom coi fiocchi. Ma per quel che ho sentito quando sono andato a provarlo per meno di 200€ è un signor ampli. Magari il merito è tutto del microfono con white label del '59 con cui l'ho provato, ma suonava davvero bene. E Tarcisio l'ha provato col suo microfono plunz e anche con quello andava benone. Sempre per essere un ampli cinese da meno di 200€.
Avatar utente
frank-blues
=|o|o|o|o|o|o|o|=
Messaggi: 812
Iscritto il: mercoledì 20 giugno 2007, 22:54
Contatta:

Re: VHT Special 6: la ricerca è finita!

Messaggio da frank-blues » giovedì 28 aprile 2011, 21:31

Si, anche a me era sembrato di essere stato l'unico ad aver confrontato il VHT special 6 con ampli vintage.

Ho pensato, comunque, che un confronto debba essere fatto ad armi pari.

Pochi minuti fa, ho quindi messo delle valvole vintage nel VHT e ho usato il mio mi miglior microfono: un JT-30 con capsula Shure R7 a cristallo.
Ho inserito il microfono nell'ingresso HI per avere una saturazione più forte.
Il risultato è stato fenomenale: un suono saturo, ma di una corposità che è impossibile ottenere con il Kalamazoo.

Ribadisco il titolo che ho dato a questo topic: LA RICERCA E' FINITA

Con questa frase voglio dire che non si può assolutamente pretendere di più da un amplificatore che costa meno di 200 euro.
bluelight
=|o|o|=
Messaggi: 75
Iscritto il: martedì 18 novembre 2008, 13:27

Re: VHT Special 6: la ricerca è finita!

Messaggio da bluelight » giovedì 28 aprile 2011, 22:10

Il confronto VHT - Kalamazoo a cui mi riferivo è stato fatto qui:
https://www.doctorharp.it/forum3/viewtop ... &sk=t&sd=a
precisamente al post numero 16. Anche se il confronto è moderato dal tono scherzoso alla fine del post, mi aveva molto colpito la seguente frase: "Qualche mese fa ho avuto la fortuna di trovare ad un prezzo quasi irrisorio un Kalamazoo di metà anni "60. Se non avessi già questo mi fionderei sul VHT".
Sicuramente i gusti sono cosa personale. A me il K. torna utile proprio perchè è più squillante, in quanto mi consente di farmi sentire meglio (se potessi scegliere con cosa suonare, userei sempre il mio premier 50). Detto ciò, io non avrei mai affermato che se non avessi già il Kalamazoo, mi fionderei subito sul VHT special 6. Purtroppo la prova che ho fatto io è stata deludente. Ho notato si una timbrica non squillante come quella del K., ma nonostante questo non ne sono rimasto soddisfatto. Inoltre, come scrivevo a Frank in privato, ho voluto condividere con tutti voi l'aver beccato due pezzi su due difettati (testata con ingresso jack inutilizzabile perchè troppo stretta; combo con rumore fortissimo di sottofondo). A chi intende comprare da grossi megastore, forse questo dettaglio potrebbe essere utile. Infine, quanto scrive ora Frank mi può solo indurre a voler riprovare l'ampli quando ne avrò l'occasione. Ci siamo chiariti?
Avatar utente
francesco galtieri
=|o|o|o|o|o|o|o|o|=
Messaggi: 1067
Iscritto il: mercoledì 2 giugno 2010, 16:23
Località: Messina

Re: VHT Special 6: la ricerca è finita!

Messaggio da francesco galtieri » giovedì 28 aprile 2011, 22:14

frank-blues ha scritto: Con questa frase voglio dire che non si può assolutamente pretendere di più da un amplificatore che costa meno di 200 euro.
Concordo in pieno!
E' giusto che ognuno di noi tragga le proprie deduzioni sulla base delle proprie esperienze personali, ed anche giusto fare dei confronti con altri ampli, anche se ciò non ha molto senso se il raffronto è fatto con ampli vintage e sopratutto di fascia economica molto diversa..... Secondo me il VHT, per quello che costa, è un'ottimo amplificatore e il suono che mi da è esattamente quello che desideravo e che avevo in mente, per questo, attualmente, penso che modificare un ampli come il VHT sia più un vezzo del proprietario che una reale esigenza. Ma il suono lo fa anche e sopratutto l'amonicista ma questo è un dato inconfutabile e aggiungerei.... detto in tutte le salse ormai.
f.g.
เขาเป็นคนที่ไม่กลัวความตาย
bluelight
=|o|o|=
Messaggi: 75
Iscritto il: martedì 18 novembre 2008, 13:27

Re: VHT Special 6: la ricerca è finita!

Messaggio da bluelight » giovedì 28 aprile 2011, 23:06

Si, vero, non si può volere di più per quei soldi. Ed io infatti ho subito precisato, già nel mio primo messaggio, che ha senso scegliere il VHT tra ampli della stessa fascia di prezzo. Fatto salvo questo dato, si può poi esprimere un parere in riferimento alla propria esperienza personale sul suono che si riesce a tirare fuori dall'ampli. C'è anche da dire che spesso, quando si è abituati a suonare con un tipo di suono, se il nuovo ampli non lo si prova per lungo tempo, è difficile che possa piacere subito il nuovo suono, a meno che non sia davvero qualcosa di fenomenale. La prima volta che ho provato un kalamazoo a casa di Frank, mi colpì subito per la sua aggressività di saturazione. Quel pomeriggio, Frank mi fece provare anche altri ampli, più costosi e di fattura ancora migliore. Nonostante ciò, io rimanevo sempre colpito da quel suono che avevo tanto cercato per anni. Un piccolo off-topic: riesco con ottimi risultati a dare corposità al K. usando un premp specifico di cui si è parlato su questo sito tempo fa.
Avatar utente
francesco galtieri
=|o|o|o|o|o|o|o|o|=
Messaggi: 1067
Iscritto il: mercoledì 2 giugno 2010, 16:23
Località: Messina

Re: VHT Special 6: la ricerca è finita!

Messaggio da francesco galtieri » venerdì 29 aprile 2011, 7:55

bluelight ha scritto:Si, vero, non si può volere di più per quei soldi. Ed io infatti ho subito precisato, già nel mio primo messaggio, che ha senso scegliere il VHT tra ampli della stessa fascia di prezzo. Fatto salvo questo dato, si può poi esprimere un parere in riferimento alla propria esperienza personale sul suono che si riesce a tirare fuori dall'ampli. C'è anche da dire che spesso, quando si è abituati a suonare con un tipo di suono, se il nuovo ampli non lo si prova per lungo tempo, è difficile che possa piacere subito il nuovo suono, a meno che non sia davvero qualcosa di fenomenale. La prima volta che ho provato un kalamazoo a casa di Frank, mi colpì subito per la sua aggressività di saturazione. Quel pomeriggio, Frank mi fece provare anche altri ampli, più costosi e di fattura ancora migliore. Nonostante ciò, io rimanevo sempre colpito da quel suono che avevo tanto cercato per anni. Un piccolo off-topic: riesco con ottimi risultati a dare corposità al K. usando un premp specifico di cui si è parlato su questo sito tempo fa.
Questo è uno di quei messaggi che io trovo davvero interessanti ai fini di uno scambio di opinioni costruttivo, che è quello che mi interessa maggiormente per la mia crescita da armonicista. Buona giornata a tutti.
f.g.
เขาเป็นคนที่ไม่กลัวความตาย
Avatar utente
antoblues
=|o|o|o|=
Messaggi: 115
Iscritto il: venerdì 22 giugno 2007, 10:05
Località: Milano

Re: VHT Special 6: la ricerca è finita!

Messaggio da antoblues » venerdì 29 aprile 2011, 9:08

Le mie scuse a bluelight :oops:
non ricordavo affatto l'altro thread ...
buon venerdì a tutti
Avatar utente
Mark o' Moon
=|o|o|o|o|o|o|=
Messaggi: 454
Iscritto il: lunedì 2 luglio 2007, 8:28
Località: Rovigo
Contatta:

Re: VHT Special 6: la ricerca è finita!

Messaggio da Mark o' Moon » venerdì 29 aprile 2011, 9:13

Sono l'estensore del post n.16: finalmente citato quando si parla di strumentazione, anch'io mi sento un armonicista!
A parte gli scherzi Bluelight ha capito perfettamente (dalla chiusura del mio post) che si trattava chiaramente di una iperbole.
In realtà sono contentissimo del Kalamazoo, mi è arrivato in condizioni estetiche dignitose (solo una manopolina rovinata) e funzionante perfettamente. Con il mio Electrovoice 638 (più o meno coetaneo) ha un suono che mi soddisfa molto ed adesso, (dopo avere sostituito la capsula originale con una americana degli anni "70 nel mio Green Bullet) lo proverò anche con lo Shure.
Ho avuto (come ampli economici) un Epiphone ed un Harley Benton entrambi da 5 watt che, tutto sommato, non mi dispiacevano. Il limite (come impressione assolutamente personale) di questi 2 attrezzi era il cono "piccolo".
Secondo me questo VHT supplisce ampiamente, oltre che per altre potenzialità, a questo limite.
Non ho mai provato il VHT ma mio fratello ha un Bugera da 6 watt molto simile (sembra il gemello!) e con l'armonica ha un suono splendido!
Confesso inoltre, che mi ha favorevolmente colpito l'entusiasmo di Gianandrea Pasquinelli per il VHT. Il Pasqui ha provato (e possiede!) decine di amplificatori e quindi ha un termine di paragone effettivo.
Come ultima considerazione devo ammettere che sono una persona non molto attenta alle proprie cose e praticamente con un senso della proprietà nullo: presto tutto. Per questi motivi, conoscendomi ormai da 58 anni, ho spesso paura di fare danni al mio Kalamazoo (in effetti è anche un po' leggerino e sembra una scatoletta) quando lo porto in giro o lo presto al chitarrista di turno che vuole "jammare" con noi (a proposito: K-zoo e Telecaster ...una bomba!).
In definitiva confermo che mi terrò ben stretto il mio Kalamazoo e che, se ricomincerò a suonare in giro più di 5 volte l'anno, farò un pensierino sul VHT.
Saluti
Marco
Avatar utente
frank-blues
=|o|o|o|o|o|o|o|=
Messaggi: 812
Iscritto il: mercoledì 20 giugno 2007, 22:54
Contatta:

Re: VHT Special 6: la ricerca è finita!

Messaggio da frank-blues » sabato 30 aprile 2011, 17:48

Mark o' Moon ha scritto: Ho avuto (come ampli economici) un Epiphone ed un Harley Benton entrambi da 5 watt che, tutto sommato, non mi dispiacevano. Il limite (come impressione assolutamente personale) di questi 2 attrezzi era il cono "piccolo".
Secondo me questo VHT supplisce ampiamente, oltre che per altre potenzialità, a questo limite.
Ciao Marco,
devo però dirti che, contrariamente a quello che molti pensano, la grandezza del cono influisce davvero poco sulla corposità del suono.

Se per esempio metti un cono da 10" al posto di un cono da 8", la differenza di suono è davvero minima.

Il motivo è che la corposità del suono non è determinata dalla grandezza del cono, ma dal tipo di circuito e dal tipo di componenti che ci sono nell'ampli.

Adesso sto realizzando degli ampli fenomenali modificando vecchi ampli vintage che hanno un grosso cono da 15", inserendoli in un nuovo cabinet con solo due coni da 8".
Il miglioramento in termini di suono è abissale, senza alcuna perdita di corposità del suono.
In questo caso, quindi, due coni molto piccoli insieme vanno meglio di uno solo molto grande.
Considera che a livello di superficie totale, un cono da 15" corrisponde quasi a quattro coni da 8".

Ecco un esempio che abbiamo fatto di recente:
Allegati
Harmony_data_sheet.jpg
Harmony_data_sheet.jpg (94.52 KiB) Visto 18676 volte
southwind
=|o|=
Messaggi: 1
Iscritto il: mercoledì 1 giugno 2011, 11:41

Re: VHT Special 6: la ricerca è finita!

Messaggio da southwind » mercoledì 1 giugno 2011, 15:50

Rick Davis, che di amp ne ha provati parecchi (senza secondi fini essendo in "concorrenza" con la VHT sponsorizzando e guadagnando sugli ampli Chicago Mission) sostiene che il piccolo vht out of the box suona bene come un Harpgear2 (880 dollari) e che con piccoli mod suona addirittura meglio
Ne è rimasto così impressionato che ai suio allievi che prima indirizzava verso l'HG2 ora fa comprare lo special 6 ad occhi chiusi
Ho comprato il kit alnicomagnet, a breve recensirò le differenze
Soz
=|o|o|o|o|=
Messaggi: 227
Iscritto il: mercoledì 8 settembre 2010, 16:03

Re: VHT Special 6: la ricerca è finita!

Messaggio da Soz » mercoledì 1 giugno 2011, 16:20

Ciao, se non ti scoccia dirlo, dove l'hai preso il kit?
E quanto ti è costato?
Saluti a tutti
Soz
Avatar utente
frank-blues
=|o|o|o|o|o|o|o|=
Messaggi: 812
Iscritto il: mercoledì 20 giugno 2007, 22:54
Contatta:

Re: VHT Special 6: la ricerca è finita!

Messaggio da frank-blues » mercoledì 1 giugno 2011, 18:02

Soz ha scritto:Ciao, se non ti scoccia dirlo, dove l'hai preso il kit?
E quanto ti è costato?
Saluti a tutti
Soz
Ciao Roberto,
il kit in questione si compra qui:

http://cgi.ebay.it/ws/eBayISAPI.dll?Vie ... escription

Ma io sono scettico verso questi MOD e non ho alcun interesse a provarli.
Di base è stato riconosciuto da tutti che il vht special 6 suoni molto bene.
Eventuali modifiche per migliorarlo andrebbero fatte per soddisfare le esigenze del singolo armonicista.
Non puà esistere una MOD che va bene per tutti.
In primo luogo i gusti sono soggettivi.
C'è a chi piace il suono più saturo e a chi piace meno saturo.
C'è chi vuole un suono più corposo e chi vuole un suono con frequenze medio-alte più presenti.
E così via...
Se poi aggiungiamo il fatto che il suono cambia in base al tipo di microfono usato e al modo di suonare dell'armonicista, si capisce che bisogna provarne tante di MOD prima di trovare quella migliore per noi.

Le modifiche che portano invece dei miglioramenti oggettivi, e che possono essere eseguite facilmente da chiunque, sono principalmente due:

1) Valvole di qualità migliore (io ho messo valvole vintage)
2) Altoparlante di qualità migliore (ad esempio un Weber).
Soz
=|o|o|o|o|=
Messaggi: 227
Iscritto il: mercoledì 8 settembre 2010, 16:03

Re: VHT Special 6: la ricerca è finita!

Messaggio da Soz » mercoledì 1 giugno 2011, 22:33

Grazie mille Francesco, chiarissimo come sempre!!!!
Soz
Avatar utente
Mr.Impilz
=|o|=
Messaggi: 11
Iscritto il: mercoledì 5 agosto 2009, 14:42
Località: Montevarchi (AR)

Re: VHT Special 6: la ricerca è finita!

Messaggio da Mr.Impilz » venerdì 22 luglio 2011, 14:53

Buongiorno a tutti sono circa 2 anni che suono l'armonica sono ancora a livello embrionale come dico io "c'è ancora da pedalare parecchio", fino ad ora ho usato un sm57 attaccato all'impianto voce.Ora volevo iniziare ad utilizzare un ampli partendo da un livello base per farmi le ossa, ho visto lo special 6 della VHT e la descrizione di Frank-blues mi ha convinto, su un sito tedesco (thomann) ho visto che è da poco uscita la versione ultra che ha il cono da 12" volevo sapere qualche opinione sulle differenze tra questi due modelli del VHT.
Grazie a tutti.
Avatar utente
frank-blues
=|o|o|o|o|o|o|o|=
Messaggi: 812
Iscritto il: mercoledì 20 giugno 2007, 22:54
Contatta:

Re: VHT Special 6: la ricerca è finita!

Messaggio da frank-blues » lunedì 25 luglio 2011, 13:08

Mr.Impilz ha scritto:Buongiorno a tutti sono circa 2 anni che suono l'armonica sono ancora a livello embrionale come dico io "c'è ancora da pedalare parecchio", fino ad ora ho usato un sm57 attaccato all'impianto voce.Ora volevo iniziare ad utilizzare un ampli partendo da un livello base per farmi le ossa, ho visto lo special 6 della VHT e la descrizione di Frank-blues mi ha convinto, su un sito tedesco (thomann) ho visto che è da poco uscita la versione ultra che ha il cono da 12" volevo sapere qualche opinione sulle differenze tra questi due modelli del VHT.
Grazie a tutti.
Per i chitarristi, il modello ultra è sicuramente migliore rispetto al modello standard.
Per l'armonica è meglio il modello VHT special 6.
gabriharp
=|o|o|o|=
Messaggi: 126
Iscritto il: giovedì 24 aprile 2008, 23:23

Re: VHT Special 6: la ricerca è finita!

Messaggio da gabriharp » martedì 26 luglio 2011, 19:11

ciao....il vht special 6 va bene col microfono audix fireball...ciao grazie....
Avatar utente
frank-blues
=|o|o|o|o|o|o|o|=
Messaggi: 812
Iscritto il: mercoledì 20 giugno 2007, 22:54
Contatta:

Re: VHT Special 6: la ricerca è finita!

Messaggio da frank-blues » martedì 26 luglio 2011, 22:55

gabriharp ha scritto:ciao....il vht special 6 va bene col microfono audix fireball...ciao grazie....
E' una domanda o un'affermazione?

Comunque il vht special 6 va bene con qualsiasi microfono ad alta impedenza.
Se quindi usi il fireball, devi usare l'adattatore d'impedenza.
geo-lord
=|o|=
Messaggi: 27
Iscritto il: giovedì 14 luglio 2011, 15:56

Re: VHT Special 6: la ricerca è finita!

Messaggio da geo-lord » martedì 23 agosto 2011, 12:02

e qui mi inserisco anche io... alla interessantissima discussione.
riprenderò parte dell'intervento anch nel post dei microfoni ma, mi interessava capire come il VHT potrebbe rispondere al mio "set up".
Volendo un sistema "versatile" ho optato un microfono fireball. Da usare diretto in un PA o su AMPLI. Per il diretto in PA nessun problema, per l'ampli ho optato per una DI Box che mi trasformasse il segnale da bilanciato e sbilanciato (altrimenti il mic non funziona). La DI in questione è un pedale da voce (TC Elicon voice correct) che oltra a pompare il segnale lo definische "di brutto". Attualmente utilizzo un PEAVEY Rage 158 (il primo ampli 15w che avevo in casa) che ha una emulazione a transistor e reagisce in maniera suff. (diamogli un 6-)
Direi che con la DI (o adattatore) si può usare il VHT. Avendo io processato il suono rendendolo molto più definito, pulito e compresso, ha senso investire su un ampli come il VHT o è meglio puntare su qualche effetto per riportare il segnale su sonorità più armoinicistiche e la vorare comunque su PA?

ho parlato arabo?
thnx a tutti ottimo forum comunque
Avatar utente
frank-blues
=|o|o|o|o|o|o|o|=
Messaggi: 812
Iscritto il: mercoledì 20 giugno 2007, 22:54
Contatta:

Re: VHT Special 6: la ricerca è finita!

Messaggio da frank-blues » lunedì 5 settembre 2011, 17:56

geo-lord ha scritto: Direi che con la DI (o adattatore) si può usare il VHT. Avendo io processato il suono rendendolo molto più definito, pulito e compresso, ha senso investire su un ampli come il VHT o è meglio puntare su qualche effetto per riportare il segnale su sonorità più armoinicistiche e la vorare comunque su PA?
Ciao, mi era sfuggito il tuo intervento.

Diciamo che il VHT, visto lo straordinario rapporto qualità/prezzo, è una buona scelta anche per chi come te vorrebbe un sistema più flessibile.
Un pò di versatilità te la offre anche il VHT, dato che ti permette di passare da un suono abbastanza pulito ad un suono saturo grazie al pedalino che attiva il boost.
Del resto anche armonicisti moderni come Carlos del Junco, che spaziano da un genere all'altro, amano spesso avere un suono aggressivo e distorto.

Diciamo quindi che il VHT non permette di ottenere tanti tipi di suono diversi, ma ha principlamente un unico tipo di suono che è molto adatto anche per sonorità moderne.
Aggiungendo poi al VHT altri effetti, come quelli a pedale, si possono ottenere tanti altri tipi di sonorità.
Ma sono comunque sonorità moderne adatte principalmente a generi come il rock-blues, il funky, il jazz-fusion, ecc.
E' ovvio che non puoi ottenere un suono molto pulito e naturale, come quello che hai quando usi semplicemente un microfono per voce su un impanto.
geo-lord
=|o|=
Messaggi: 27
Iscritto il: giovedì 14 luglio 2011, 15:56

Re: VHT Special 6: la ricerca è finita!

Messaggio da geo-lord » giovedì 23 febbraio 2012, 21:39

Ciao a tutti,
dopo qualche mese e una mezza dozzina di concertino vorrei dare un giudizio sul VHT.

Alcune premesse:
- Il gruppo in cui suono maggiormente ha un repertorio "classicissimo" di blues-rock.
- principalmente suono la chitarra ritmica quindi i momenti di armonica sono sempre dei "solismi" e mai accompagnamenti.
set-up: audio fire-ball, tc helicon voice correct (trasformatore di signal), e appunto VHT

Impressioni "hardware".
La solidità costruttiva è buona. di medie dimensioni ma compatto, forse un po' pesante (se dovete gestire altri strumenti aggiungete pure un viaggio baule-palco).
Il case dietro è complemente chiuso e questo aiuta a "spingere" bene gli speaker ma, perdonate il puntiglio, non sai mai dove c...o infilare il cavo di alimentazione ed il footswitch negli spostamenti (v. viaggi macchina-palco e ritorno).
Per il resto la strumentazione è leggibile ma, infondo è talmente semplice che puoi andare ad occhi chiusi. Una volta impostato rimangono solo il volume ed il tono.

Con questa configurazione il suono è sufficientemente caldo ma, complice la doppia "pulizia" dovuta al microfono ed al pedale, il boost deve sempre essere attivato (immagino che con microfoni vintage si possa lavorare bene anche col clean). Il suono buca in maniera soddisfacente il mix ma secondo i miei gusti manca, alla bisogna, un po' di distorsione e soprattutto il delay. Naturalmente, direte voi, basta che ti compri un paio di pedali. Vero! appunto solo che alcuni amplificatori anno il controllo del riverbero che proprio male non farebbe.

Il feedback che avevo all'inizio l'ho risolto con un po' di prove e usando l'ingresso low.

Il vero punto "debole" per me e per le mie esigenze/situazioni che ho trovato fin ora, è il volume. Ho notato che risente moltissimo dell'acustica dell'ambiente (chi suona in maniera amatoriale nei pubbetti come noi sa cosa intendo) come del resto tutti gli strumenti e gli ampli a corredo ma, nel caso del VHT, pur non suonando noi a volumi da meta, quando ne ho avuto bisogno non ho avuto a disposizione quel margine di volume necessario a garantire una buona uscita. In primis per me ed in secondo luogo per il pubblico.
Non so come si calcolino ste cose ma il "fuoco" del suono in uscita mi scavalca regolarmente (e dato che nei pubbetti lo spazio è sempre al limite...).

insomma, tutta sta sicumera per dire che qualche watt in più non avrebbe guastato.

a presto...

P.s.
Se volete cerco di postare qualche video... naturalmente poi è vietato sfottere :D :shock: :oops: :oops: :oops: :oops:
Mumbles
=|o|o|o|o|o|=
Messaggi: 398
Iscritto il: venerdì 17 giugno 2011, 14:47

Re: VHT Special 6: la ricerca è finita!

Messaggio da Mumbles » giovedì 23 febbraio 2012, 21:46

mhm....il fatto del volume in uscita ( a prescindere dalla dimensione del locale ) magari non dipende anche dalla tua band e dal "feeling" dei pezzi/set up chitarre?

nel senso che io sino ad ora l'ho usato in posto relativamente piccoli ma suonando blues e controllo bene il set up mio e di chi suona con me non avuto problemi...
certo che se ti raffronti con un volume generale molto alto fai una fatica boia, è pur sempre un 6.6 watts anche se ha il cono bello grande....
Avatar utente
frank-blues
=|o|o|o|o|o|o|o|=
Messaggi: 812
Iscritto il: mercoledì 20 giugno 2007, 22:54
Contatta:

Re: VHT Special 6: la ricerca è finita!

Messaggio da frank-blues » venerdì 24 febbraio 2012, 0:21

geo-lord ha scritto:insomma, tutta sta sicumera per dire che qualche watt in più non avrebbe guastato.
Se avesse avuto qualche watt in più, non sarebbe stato un VHT special 6 e alla maggior parte degli armonicisti sarebbe piaciuto meno.

Un amplificatore con le caratterstiche del VHT special 6 (single ended in classe A) non può produrre più di 7/8 watt.
Se gli cambi le caratteristiche per farlo suonare più forte (per esempio push pull in classe A/B), cambi anche il suono (meno saturazione e più problemi di feedback).

Esistono determinati circuiti che danno risultati migliori per l'armonica (per lo stile chicago blues); quello universalmente considerato il migliore è quello del fender champ 5F1, di cui il VHT special 6 è quasi un clone.

Per chi ha necessità di una potenza maggiore, esistono altri circuiti molto indicati per l'armonica, come ad esempio quello del fender bassman.

Se la VHT deciderà di fare un clone del bassman cablato punto a punto, magari ad un prezzo intorno le 500/600 euro, suonerà sicuramente meglio della riedizione con circuito stampato della Fender e costerà meno della metà.
Avatar utente
Nickblues
=|o|o|o|o|=
Messaggi: 224
Iscritto il: domenica 22 agosto 2010, 8:06
Località: Reggio Emilia
Contatta:

Re: VHT Special 6: la ricerca è finita!

Messaggio da Nickblues » venerdì 24 febbraio 2012, 11:52

Ciao Geo,
ma non hai pensato di microfonare il VHT? Capisco che non sia il massimo della praticità portarsi anche un asta, un SM57 e un cavo però così andando nell'impianto risolveresti il problema del volume.

Per quanto riguarda l'accoppiata Fireball/VHT che dirti, per me il Fireball ti dà un suono troppo "pulito" e definito (come confermi anche tu) anche ammeso che tu faccia la coppa. Io ti consiglierei di provare un SM57 se vuoi rimanere sempre su microfoni a bassa impedenza. Non ti conviene usarlo anche come microfono vocale (ammesso che tu lo faccia con il Fireball), ma per quello puoi usare anche un classico SM58 o simili.

Per gli effetti ti posso suggerire di usare anche un piccolo distorsore (o meglio un overdrive) per "sporcare" un pò il suono perchè altrimenti con un microfono a bassa impedenza fai fatica a saturare le valvole. Altrimenti la soluzione sarebbe di usare microfoni ad alta impedenza, aggiungendo riverbero e/o delay.
Nicola
geo-lord
=|o|=
Messaggi: 27
Iscritto il: giovedì 14 luglio 2011, 15:56

Re: VHT Special 6: la ricerca è finita!

Messaggio da geo-lord » venerdì 24 febbraio 2012, 12:35

Ciao a tutti,
certo che ho pensato di microfonare e in alcuni palchi (quelli di un certo tipo) l'ho fatto, magari con l'aiuto di un fonico.
Nei locali piccoli invece la vedo dura per tutta una serie di ragioni e variabili: diensione mixer, spazi, necessità di non tirare giuù i muri ecc.

è chiaro che la mia configurazione è una via di mezzo e non posso pretendere grandi cose ne in un senso ne nell'altro. Infatti se me la vedo brutta vado diretto nel mixer.

Se poi potessi investire 4-500 euro tutti in un colpo completerei certamente la strumentazione con un mic alta impedenza e un paio di effetti dedicati. Ma si cerca sempre di migliorare poco alla volta la propria strumentazione senza lasciarci gli stipendi.

Certamente influisce anche il volume della band ma in genere abbiamo volumi umani.

Bramo già i prossimi aggeggi
Bluestouch
=|o|=
Messaggi: 9
Iscritto il: martedì 7 febbraio 2012, 11:16

Re: VHT Special 6: la ricerca è finita!

Messaggio da Bluestouch » giovedì 12 aprile 2012, 13:21

Riporto anche qui la mia esperienza col VHT

Dopo avere acquistato il VHT Special 6 combo e averlo testato live in un pò di situazioni vi riposrto le mie personali esperienze e valutazioni.
E' sicuramente un piccolo gioiellino, ha un bel suono adatto ma fino ad un certo punto.
Infatti come si può notare nei video su youtube se vi leggete le note si evince che gli ampli oggetto dei video sono modificati con valvole NOS (new old stock) e addirittura nella circuiteria.

Quindi se volete il suono Chicago caldo e fat l'ampli và modificato, stock non rende così.
Ovvio che il suono lo fa l'armonicista, io non sono un professionista ma suonando da 12 anni l'armonica qualcosina faccio quindi si riesce ad ottenere un suono soddisfacente ma, ripeto, quel quid in più si ottiene con le modifiche tanto è vero che si acquistano addirittura su ebay i kit relativi.

Il vero problema, a mio avviso, di questo piccolo ampli è proprio il volume. Il bel suono non riesce a far dimenticare la pecca principale del combo perchè purtroppo fatica a farsi sentire e questo, credetemi, per chi suona dal vivo in svariate situazioni è davvero un grosso problema.
Soprattutto coi chitarristi smanettoni che si sà fanno fatica a tenere basso il volume.
In realtà se suonate in una band dove fate un Blues standard molto tranquillo potrebbe andare bene, ma se andate sul rock/blues normale diventa purtroppo insufficente.
E' chiaro che mi direte, ok allora và microfonato.. ok ma non sempre nei locali si ha la possibilità di farlo, non sempre si suona con le spie...(!)

Se facciamo una valutazione su versatilità e comodità di utilizzo il VHT ne esce malconcio.
Volevo vendere il mio Blues Junior.... GUAI!! me lo tengo stretto, con una 12AY7 al PRE elimini un pò il gain fastidioso e lo si può usare tranquillamente.
Io lo uso prevalentemente senza microfonarlo e con il Bluexlab suona da favola e senza inneschi di larsen rompic......

In definitiva, se lo volete acquistare fatelo, è proprio un bell'ampli e per casa va benissimo o addirittura in studio di registrazione, però se avete intenzione di suonarci live.. fatevi due conti e guardate oltre.
Tanto più che sta uscendo l'Excelsior della Fender da 13W..
Avatar utente
frank-blues
=|o|o|o|o|o|o|o|=
Messaggi: 812
Iscritto il: mercoledì 20 giugno 2007, 22:54
Contatta:

Re: VHT Special 6: la ricerca è finita!

Messaggio da frank-blues » giovedì 12 aprile 2012, 20:25

Bluestouch ha scritto: Quindi se volete il suono Chicago caldo e fat l'ampli và modificato, stock non rende così.
Ne sei proprio sicuro?
Fallo suonare ad uno bravo........ e poi ti renderai conto del suono che può tirare fuori.

Comunque, qualsiasi ampli migliora un pochettino se ci metti delle valvole NOS o un cono migliore.

Ma modifiche al circuito non ha proprio senso farle, dato che il circuito del VHT special 6 è uguale a quello del Fender Champ, unversalmente riconosciuto come il miglior ampli per armonica tra i single ended.

Ovviamente io non ho mai fatto modifiche al circuito dei VHT, perché so bene che si può in quel modo solo aver un peggioramento.
Ma ho avuto una conferma di questo quando un'armonicista ha commissionato a Max Manganelli di modificare il VHT special 6 secondo la famosa MOD che si è diffusa in internet.
Non mi sono affatto meravigliato quando Max mi ha detto che il VHT special 6 suona molto meglio senza MOD.

Se non ci credi, contatta Max.
Avatar utente
francesco galtieri
=|o|o|o|o|o|o|o|o|=
Messaggi: 1067
Iscritto il: mercoledì 2 giugno 2010, 16:23
Località: Messina

Re: VHT Special 6: la ricerca è finita!

Messaggio da francesco galtieri » domenica 22 aprile 2012, 16:20

Salve a tutti,
sono alcuni mesi che uso il VHT e devo con non poche soddisfazioni :) Il suono è davvero bello, il vero suono fat che fa tanto Chicago blues. In casa non avevo mai messo il volume al max per non dare fastidio ai vicini, un mesetto fa invece è arrivata l'occasione di fare un piccolo concertino nella piazzetta dell'oratorio.....che dire....mi sono divertito tantissimo! Il volume era ottimo e non mi sono sentito sovrastato dagli altri, anzi, ho fatto pure una bella figura nei pezzi in assolo grazie al pulsante a pedale. Tutto ciò per dire che, non finirò mai di ringraziare Frank per avermi consigliato un'ottimo ampli che da delle belle soddisfazioni anche ad un principiante come me :wink:
เขาเป็นคนที่ไม่กลัวความตาย
gabriharp
=|o|o|o|=
Messaggi: 126
Iscritto il: giovedì 24 aprile 2008, 23:23

Re: VHT Special 6: la ricerca è finita!

Messaggio da gabriharp » mercoledì 6 giugno 2012, 23:11

BITMO V-VERB REVERB - mod kit for VHT Special 6 Ultra head or combo
sai dirmi qualcosa su questo franz...
Avatar utente
frank-blues
=|o|o|o|o|o|o|o|=
Messaggi: 812
Iscritto il: mercoledì 20 giugno 2007, 22:54
Contatta:

Re: VHT Special 6: la ricerca è finita!

Messaggio da frank-blues » giovedì 7 giugno 2012, 18:35

gabriharp ha scritto:BITMO V-VERB REVERB - mod kit for VHT Special 6 Ultra head or combo
sai dirmi qualcosa su questo franz...
Serve per aggiungere il reverbero, ma devi sapere mettere le mani sul circuito.
Rispondi